Rocca Sanvitale di Fontanellato

  • castello di fontanellato
  • Castello di Fontanellato
  • Castello di Fontanellato
  • Castello di Fontanellato
  • Castello di Fontanellato

Il Castello sull’acqua con gli affreschi del Parmigianino. La Rocca Sanvitale di Fontanellato si erge, incantevole, al centro del borgo, circondata da un ampio fossato colmo d’acqua: racchiude uno dei cpolavori del manierismo italiano, la saletta dipinta dal Parmigianino nel 1524 con il mito di Diana e Atteone. Ancora intatto é l’appartamento nobile dei Sanvitale. Visitabile l’unica Camera Ottica in funzione in Italia. Ha origini che si collocano nel Medioevo e più precisamente nel 1124 quando i Pallavicino costruirono la prima torre a scopo difensivo. La cinta esterna invece venne eretta, a partire dal torrione quadrato posto a nord probabilmente dopo il 1386 per opera dei Sanvitale, che acquisirono il castello dai Visconti di Milano. La struttura venne completata solo nel XVI secolo attraverso la costruzione e l’adattamento ad appartamento del primo piano, intervento che sarà preludio di una trasformazione definitiva della Rocca da fortezza difensiva a dimora residenziale.
Il terrapieno visibile su due lati nacque ad esempio come deposito delle armi per divenire successivamente giardino pensile.
L’ingresso primitivo alla Rocca, ad oggi accesso alla Cappella, sporge dal nucleo della struttura, con tracce delle antiche merlature sul fronte e sul lato sinistro nonché i segni dei bolzoni del ponte levatoio. L’entrata attuale è collocata invece nel mastio, attraverso un ponte in muratura costruito nel XVII secolo.